WEEK – END CON LA PAROLA SCRITTA

Palazzetto dell’Arte

Palazzo Bourbon del Monte – Sovana (GR)

presenta

Week-end di scrittura creativa

9-10 luglio

Insegnante: Giorgio Nisini

Il corso è dedicato alla scrittura creativa e alle tecniche di narrazione. Le lezioni prenderanno in esame le principali tappe di produzione di un testo: dall’ideazione alla progettazione, dalla stesura alla revisione. Punti nodali che verranno affrontati: costruzione dei personaggi, articolazione dei dialoghi, scrittura letteraria e scrittura cinematografica, suggerimenti per la presentazione di un testo a un editore. Una parte dello stage sarà dedicata a esercitazioni pratiche di scrittura, con la realizzazione di un racconto breve da parte di ciascun allievo.

SABATO: ore 15.30 arrivo a Sovana e accoglienza a Palazzo / ore 16-20 stage (teoria)

DOMENICA: ore 10-13 stage (teoria)/ ore 13-15.00 pausa pranzo: buffet/

ore 15-18 stage (pratica guidata di narrazione)

Senza pernottamento, euro 90: partecipazione allo stage intensivo, merenda di benvenuto, pranzo a Palazzo, brindisi di saluto, assicurazione, tessera associativa

Con pernottamento, euro 130: partecipazione allo stage intensivo, merenda di benvenuto, pranzo a Palazzo, pernottamento in BB, colazione, brindisi di saluto, assicurazione tessera associativa

Giorgio Nisini (Viterbo, 1974) finalista al Premio Strega 2011 con il romanzo La città di Adamo, è scrittore e saggista, ed insegna sociologia della letteratura alla Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università di Roma “La Sapienza”. Tra le sue pubblicazioni: Saggi e dialoghi sul cinema (con M. G. Di Monte e A. Barbuto, Meltemi, 2006), Geografie tondelliane (con A. Marcuzzi e G. Malavasi, Guaraldi, 2007), L’unità impossibile (Carocci, 2008). È autore dei romanzi La demolizione del Mammut (Perrone, 2008 – Premio Alvaro Opera Prima, Finalista Premio Tondelli) e La città di Adamo (Fazi, 2011). Per l’editore Perrone dirige una collana di saggistica universitaria.

Il corso si terrà presso Palazzo Bourbon Del Monte, denominato Palazzetto dell’Arte, situato nella piazza principale di Sovana (GR). La dimora, edificata dalla famiglia Bourbon del Monte nella prima metà del’500 e attribuita all’architetto Vignola, si trova nel piccolo borgo di Sovana, un tempo città medioevale che diede i natali a Papa Gregorio VII, detto, appunto, Papa Ildebrando da Sovana. La città, oggi minuscolo borgo, è stata riconosciuta dall’Unesco, insieme ai vicini paesi Sorano e Pitigliano, patrimonio dell’Umanità ed ha ottenuto, inoltre, il riconoscimento di uno dei cento borghi più belli d’Italia.

Per informazioni e prenotazioni:

www.palazzobourbondelmonte.it

[email protected]

[email protected]

www.giorgionisini.it

telefono: 334 2275656

Associazione Culturale “I Sogni In Teatro” – Palazzo Bourbon del Monte – Piazza Del Pretorio 3 Sovana 58010 (GR)

P.I. 01492010531 C.F 91019670537

riferimenti bancari: Banca Fideuram – cod.Iban IT66S0329601601000066383603

Tel: 3342275656 www.isogniinteatro.palazzobourbondelmonte.it

This entry was posted in arte, autori, Eventi, Uncategorized. Bookmark the permalink.

0 Responses to WEEK – END CON LA PAROLA SCRITTA

  1. Joe Perfiumi says:

    Ricordo ancora quando mi iscrissi al week-end di scrittura creativa del mitico ermetico etilico Bob Ciurlaparole.
    Mi insegnò così bene a descrivere il mio mulo Chopy che quando lessi a Chopy la paginetta che gli avevo dedicato ,lui cominciò a deragliare dalla sua consueta indifferenza.
    Non è semplice restare indifferenti davanti a un mulo che deraglia.
    Anche perchè non è un treno.
    Allora dissi a Bob che penetrare i segreti della scrittura poteva anche essere pericoloso.
    Bob mi guardò e sorrise caustico.
    “Una solenne minchiata”, commentò a caldo.
    Bob Ciurlaparole ebbe difficoltà, da quel preciso momento,ad organizzare week-end di scrittura creativa.
    Le costole frantumate gli rallentavano i pensieri.
    Aveva pensieri così lenti che ti montava l’estro di prenderli a calci in culo.
    Al mitico Ciurlaparole fu fatale l’incontro con il vecchio Ciurlanelmanico, nella corsia d’ospedale del braccio a sud-est.
    Che il braccio a sud-ovest mancava da un pezzo.
    Per un brutto incidente.
    Ogni tanto porto fiori sulla tomba di Bob.
    Cercando di essere creativo.
    Floreale ma non plateale.
    Fiori di plastica che ti permettono di assentarti per lungo tempo.
    Non puoi seguire ogni cosa, nella vita.
    Soprattutto quando devi concentrarti su un mulo esigente.
    Se poi il mulo si chiama Chopy…

    Joe Perfiumi.

  2. alessia e michela says:

    John John Jr. Manico D’Ombrello,
    fece gli scongiuri: la decisione di seguire il mulo per le impervie vie del sapere creativo gli pareva intempestiva. E si chiese: Ma non era meglio andare a mare? Qui è peggio che scegliere per chi votare…
    Sapeva, lo sapeva altrimenti non sarebbe stato perplesso, che fiorivano le scuole di scrittura creativa; fiorivano…meglio sarebbe stato dire che nascevano come funghi nelle pioppete.
    Oltretutto, con quale atteggiamento andarci? Ostentare o non ostentare? Agitare strendardi oppure no? Farlo aumma aumma o farsi precedere da un banditore?
    Non poteva ciurlare nel manico; doveva decidere e farlo presto.
    Sarebbe stato un errore attardarsi, anche se gli frullava per la mente la voce dell’amico inglese: Vado piano perché ho fretta.
    Era stata la sua massima. Infatti, è documentato, a 13 anni aveva imparato solo a disegnare le rette parallele. Tuttavia, e pareva un miracolo, a 20 sapeva cosa fosse un asintoto giacché aveva visto solo una volta Greta la Scorbutica da Empoli e mai più.