San Gregorio Armeno

San Gregorio Armeno è il luogo conosciuto in tutto il mondo per la tradizione presepiale,e per le botteghe artigiane che da sempre la animano.A dare il nome al magico e caratteristico luogo è l’omonimo monastero femminile che in quel luogo si erge.Si deve probabilmente proprio all’operosità delle monache la continuità della tradizione del presepe e alla riproduzione dei pastori e della natività.Nel luogo dove sorge il monastero del cinquecento,secondo le testimonianze di Cicerone si erigeva l’antico tempio di epoca romana,dove si celebravano gli antichi culti femminili dedicati alla dea Demetra.Nell’anno 726 si stabilirono nel monastero alcune monache provenienti dall’oriente (Armenia),sfuggite dalla persecuzione di Leone Isaurico;Quest’ultime portarono con loro le spoglie di San Gregorio Armeno,predicatore cristiano in Armenia.Nel 1864 giunse nel monastero anche il corpo di Santa Patrizia discendente dell’imperatore Costantino (visse intorno all’anno 650-690).IL suo corpo è conservato a lato dell’altare maggiore ed è compatrona della città come S.Gennaro,e come uest’ultimo anche a lei è attribuito il miracolo dello scioglimento del sangue contenuto in un’ampolla,che però in questo caso oltre che nel giorno della santa il 25 agosto, le monache espongono la sacra ampolla ogni martedi mattina dove puntualmente il sacro prodigio del sangue si compie.
Sono presenti nella chiesa dipinti di Luca Giordano che rappresentano l’arrivo delle monache a Napoli

This entry was posted in chiese, curiosita, feste, luoghi, Musei. Bookmark the permalink.

Comments are closed.