QUESTIONI DI CARTA E DI PIZZO: novità editoriale di THERRY ROMANO

cover QUESTIONI DI PIZZO di Therry Romano

QUESTIONI DI CARTA E DI PIZZO: novità editoriale
Scrive Carlos Ruiz Zafón (scrittore di successo mondiale: Il principe della nebbia, L’ombra del vento, Il Gioco dell’angelo …): Dimmi di cosa ti vanti e ti dirò di cosa sei privo.
Therry Romano non si vanta di nulla.
Personaggio, quindi, che andrà definito senza pregiudizi, leggendo ciò che scrive, seguendola nelle sue scelte e nella produzione che si annuncia già costante nel tempo. È, quindi, affascinante immaginarla alle prese con le sua varie prove d’autore e, intuendola alla ricerca di altre strade narrative che diano sempre più definizione alla sua collocazione nella editoria italiana, cominciare a metterla a nudo. Stavolta la si scopre alle prese con il genere chick lit. È solo il primo passo con cui Therry affronta un genere letterario affermatosi negli anni ’90, capace di aprire un mercato nuovo soprattutto a scrittrici britanniche e statunitensi. La narrazione si sviluppa, in libri che si presentano con una veste lieve già dalla copertina, intorno a protagoniste che affrontano ironicamente la quotidianità. Non mancano i grandi successi italiani e dal libro di Therry Romano, Questioni di carta e di pizzo, pubblicazione giugno 2012, costa 0,99 centesimi di euro, ci si aspetta una veloce affermazione anche per via della formula di pubblicazione in e-Book che sta avendo un clamoroso successo, finalmente, anche in Italia. Ci è nota la sua capacità di indagare i personaggi con sguardo disincantato e dalla trama emerge l’intenzione di sorprendere con il più classico dei colpi di scena, uno di quelli che sembra essere dovuto al caso ma, invece …
Invece: Mina lavora presso un’agenzia pubblica curando la comunicazione tra ente e cittadino. Ma come fare a dimostrarlo al suo arcigno capo, miss Larosa che tutto il giorno la bombarda con post-it contenenti ordini perentori, sgridandola in continuazione, mettendola a disagio mentre la chiama ‘Mina vagante’? Effettivamente la ragazza vive con la testa tra le nuvole perché mentre affronta un piano razionale di lavoro, la sua mente corre alle fantasie di pizzo e vestiti da sposa che nei suoi momenti liberi confeziona. Una sera decide di uscire con una collega per una serata e da quel momento la sua vita ha una svolta sconcertante. Si ubriaca, balla la lap dance sul tavolo e bacia un perfetto sconosciuto. Ma al risveglio, ha trovato un’amica del cuore che la porta a fare una scelta per il futuro e trovare anche l’amore.
L’e-Book si può acquistare in questi portali:
http://www.ultimabooks.it/questioni-di-carta-e-di-pizzo
http://www.net-ebook.it/ricerca.aspx?t=a&q=therry+romano
http://www.bol.it/ebook-italiani/Questioni-di-carta-e-di-pizzo/Therry-Romano/ea978886369922/
http://www.lafeltrinelli.it/fcom/it/home/pages/catalogo/searchresults.html?prkw=therry+romano&srch=0&x=0&y=0&cat1=&prm=

http://www.youtube.com/watch?v=nT-yZi4JIDk&feature=related

This entry was posted in arte, autori, ebook, libri, Uncategorized. Bookmark the permalink.

4 Responses to QUESTIONI DI CARTA E DI PIZZO: novità editoriale di THERRY ROMANO

  1. therry says:

    aver fatto un articolo su di me, mi mette a disagio ma mi riempie di felicità. Se poi l’incipit lo fate partire da una frase di Zafòn, uno scrittore che stimo tantissimo, mi fa addirittura commuovere.
    Grazie di cuore, davvero. Spero che l’essere me stessa, così come lo sono sempre con voi, inviti la gente a leggere, a provare a sorridere attraverso situazioni quotidiane e a capire che dietro ogni momento buio, c’è sempre una luce che invita a vivere giorno per giorno. Un abbraccio

  2. Cristiana says:

    Leggo ora l’articolo e la risposta. Brava Therry, credo che la svolta sia sempre essere se stessi e dare il meglio. Il tuo racconto l’ho letto e mi è piaciuto, in generale lo stile chick-lit è divertente perché converte le “angosce” presenti nell’attualità in situazioni comiche e leggere che danno sollievo. Ancora complimenti. Cristiana

  3. therry says:

    grazie di cuore Cristiana. La cosa più bella per chi scrive è sapere di aver regalato anche se pochi, ma attimi leggeri a chi ti ha dedicato il suo tempo. Un abbraccio