Il Caffè Gambrinus e i salotti napoletani dell’800

Punto di incontro della Napoli colta Di fine 800 e inizio secolo,Nella centralissima Piazza Trieste e Trento e Piazza Plebiscito, di fronte il palazzo Reale e il Teatro San Carlo, si trova il famoso Caffè Gambrinus.
Già nel 1860 in quel luogo vi era il vecchio Gran Caffè (conosciuto anche con il nome Caffè delle sette porte), è nel 1890 che con la rinnovazione dei locali durata quasi sei mesi di lavori, ad opera dell’architetto Antonio Curri, il quale convoca per impreziosire gli ambienti piu di quaranta tra i migliori artisti napoletani dell’epoca.Don Mariano Vacca di certo non si limitò nell’impresa, e decoratori,stuccatori,pittori,tapezzieri,artisti del marmo, si alternarono in qui lunghi mesi.
Il 3 Novembrre del 1890 finalmente i napoletani si poterono deliziare di questo nuovo salotto nel centro della città.
Altra meraviglia dell’epoca e che il nuovo Caffè Gambrinus potè godere degli effetti dell’illuminazione elettrica.
Cosi come nelle grandi capitale europee anche Napoli aveva il suo punto d’incontro, dove la Napoli bene,intellettuali, politici,artisti, professionisti e belle signore, si ritrovavano e li furono scritte alcune delle pagine della storia culturale e politica dell’epoca.

Molte delle canzoni classiche napoletane furono scritte tra quei tavolini,tra i suoi frequentatori sono da ricordare Gabriele D’Annunzio, durante il suo soggiorno a Napoli, che scrisse seduto al Gambrinus i versi della poesia “A  Vucchella“,che fu poi musicata molte tempo dopo da Francesco Paolo Tosti. La canzone divenne un successo e fu anche molta amata dal grande Enrico Caruso  che la incise nel 1919.

Personaggi del tempo che frequentarono quel foyer furono Oscar Wilde, Salvatore di Giacomo, Libero Bovio, Benedetto Croce, Matilde Serao, che nel 1892 inaugurò Il Mattino di Napoli.

Assolutamenta consigliato provare è il pregiato Elisir Gambrinus, un liquore di vino Raboso Piave che va servito freddo  d’estate e caldo d’inverno così come raccomanda la segreta ricetta tramandata fin dal 1847.

This entry was posted in Benedetto Croce, enogastronomia, luoghi and tagged . Bookmark the permalink.

Comments are closed.