HORROR: IUSTITIA MORTIS

IUSTITIA MORTIS, Edizioni Scudo, cover

HORROR: IUSTITIA MORTIS
Appena ci è giunta la notizia del nuovo concorso letterario di Edizioni Scudo, il bando, per l’antologia tematica dal titolo E – HEROES si può acquisire nel suo sito nonché qui: http://www.napolimisteriosa.it/bando-per-l%E2%80%99antologia-tematica-dal-titolo-e-%E2%80%93-heroes/, si è diffusa anche la notizia relativa a un concorso segreto già chiuso. Il nostro racconto, OMBRE E VERMI, vincitore con altri prodotti da specialisti anche di vaglia europea, è già nella antologia IUSTITIA MORTIS, appena pubblicata per i tipi ancora una volta di Edizioni Scudo e con il meccanismo del print on demand (una copia acquistata, una stampata). Basta accedere nel sito della casa editrice per saperne di più: http://www.edizioniscudo.it/
L’orripilante cover è sin da subito messa a disposizione, sperando basti a non far dormire sogni tranquilli. Si consiglia fortemente il resto, la lettura, ai maggiorenni e a coloro che siano dotati di forte e robusta tempra, equilibrio psichico, capacità di non autosuggestionarsi.
Autori presenti (estrapolando dal sito): Gli autori che hanno collaborato sono Elia Giovanni Babsia, Vittorio Baccelli, Alexia Bianchini, Pierre Jean Brouillaud, Lorenzo Davia, Diego Di Dio, Massimo Di Loreto, Marco Filipazzi, Flavio Firmo, Daniele Gabrielli, Gloria Gerecht, Gianni Giangrande, Roberto Guarnieri, Angelo Marenzana, Giulia Martani, Luigi Milani, Marco Montozzi, Luca Nisi, Paolo Ninzatti, Alessia e Michela Orlando, Simone Piazzesi, Manuel Russo, Paolo Secondini, Marco Siena e Marco Vecchi.
In coda, il nostro editor Giorgio Sangiorgi, come nel suo stile si è riservato il piacere di chiudere il libro con un lieto fine. Per quanto possibile, ovviamente…

Si consiglia ammirare la copertina e leggere i primi giudizi in sede internazionale dell’Opera di Luca Oleastri:

http://www.renderosity.com/mod/gallery/index.php?image_id=2238262&user_id=1908&member&np

dove è possibile scoprire un errore clamoroso. Sembrerebbe che l’illustratore si diverta a seminarne, per rendere più preziose le cover, così come accaduto in passato per certi francobolli e per qualche moneta: più valore per i collezionisti se presenti difetti.

S i consiglierebbe, altresì, leggere con sottofondi similari:

This entry was posted in arte, autori, Uncategorized, video. Bookmark the permalink.

6 Responses to HORROR: IUSTITIA MORTIS

  1. Intanto complimentissimi agli autori prescelti e pubblicati sull’antologia, tra essi le carissime amiche (nostre) e sorelle (tra loro) Alessia Orlando e Michela Orlando!! tutta da leggersi…
    Poi, incuriosita dalle vostre parole, sono andata a pescare l’errore. Si tratta forse del muro in mattoni che appare tra la falce e il mantello (non martello…)? Rende più cupo lo scenario.

  2. Alessia e Michela Orlando says:

    Eh eh …
    facciamo le misteriose per un altro poco.
    Intanto, l’idea.
    Il bando nascosto (limitato a un certo numero di specialisti e altri che avevano già dato segnali di qualità) verteva su:
    la Morte che, finalmente, sta per andare in pensione.
    Avrà da “lavorare” qualche centinaio di anni ancora, poi il lavoro sporco finirà: l’umanità sarà eterna.
    A questo punto (dal bando) “…la Morte fino a quel momento
    aveva agito per una sorta di impulso che credeva suo anche se
    non sapeva ben spiegarlo. Atea, miscredente, un po’ blasfema, non aveva idea di agire sotto un influsso divino. E ha un moto di ribellione. Decide quindi, nel tempo che le resta, di dedicarsi ad uccidere alcune persone per suo gusto personale e non su ordini dall’alto. Ma essendo profondamente razionale, decide di utilizzare i criteri della giustizia umana. Criteri che nel suo agire precedente a lei stessa sembravano totalmente disattesi.”

    E, ancora dal bando:
    “Il titolo del libro infatti dovrebbe essere IUSTITIA MORTIS,
    che se non sbaglio vorrebbe dire la Giustizia della morte (se ci
    sono dei latinisti che mi vogliono correggere ben vengano).
    Tutti noi prima o o poi ci siamo trovati di fronte a questo sentimento che la morte colpisce tante persone innocenti e sembra risparmiare fin troppo a lungo le persone più ignobili e spregevoli. Giustizia e morte messe a confronto. Ve la sentite?”

    Come abbiamo risolto:
    creati presupposti per portare la Morte in punto di morte; non sarà un “viaggio” semplice, il suo, e neppure lento, tantomeno indolore.
    C’è una scena davvero assurda nel nostro Ombre e vermi: ormai la morte non ha più coscienza di come sia fatta. Il lettore sa che è solo ossa, ormai incancrenite e invase da vermi. I vermi mangiano la morte, la morte si sfama mangiando i vermi …

  3. Joe Perfiumi says:

    Anni fa, avevo addomesticato un verme, trovato sulla linea spartiacque di un mucchietto di terra maleodorante e di un coagulo di foglie frollate dal tempo.
    Era un verme da fiuto.
    Fiutava la morte e ti conduceva da lei.
    Poi,un bel giorno,manifestò un rifiuto.
    Fu il momento in cui la morte prese l’iniziativa.
    Reso inerme il verme,la Signora della Falce ebbe il buon gusto di ignorarmi.
    Lasciandomi una sorta di germe.
    La nostalgia del verme.
    Che è poi diversa dalla nostalgia della morte.
    Vi spiegherei anche il perchè,a questo punto.
    Anni fa,avevo addomesticato un verme…

  4. alessia e michela says:

    Tiritera fragrante di colei che, colta flagrante, si avvide del pericolo
    sospirò
    intese ripeter l’impresa, senza scorno, rivoltò l’ago, perdendo il filo
    uffah!
    ripetette l’azione, ribaltone, cioè raddrizzò la vela, ma pelo pelo
    rischiò
    In un piatto cupo/poco pepe cape/e se non ci cape, penso?
    che succederà?
    Togli un po’ di pepe, per non rischiare/da quel piatto cupo
    tuttto qua?
    Beh, si: e vedrai che il pepe/poi ci caperà!
    E il verme che ci fa?
    Ci fa, ci fa… essendo verme da fiuto, ci fa molto:
    starnutirà?
    Fose che si, forse che no …

  5. Joe Perfiumi says:

    Una volta ho visto un verme da fiuto starnutire.
    Così forte al punto di strisciare.

  6. Alessia e Michela Orlando says:

    …e ridere, a crepapelle, di verme, va da sé, che bello spettacolo non è