GLI SQUALLOR E LA LORO SATIRA NON SQUALLIDA

Daniele Pace, Lorenzo Pilat e Gene Pitney. Foto pubblicata da ABC, n° 45, del 6 novembre 1966

SATIRA CORAGGIOSA O OSCENA?
DI ALTRI TEMPI. FORSE

Ogni ‘vvota ‘ca me sento ‘sta canzone me pare ‘nu guaglion’ ‘ca more appriesso a te..Me ne vaco ‘cu ‘sti ‘mmane ind’o cazone, sent’ ‘nu scuzzettone, n’amica ‘ca me fa: uè, guarda ‘stu culo che passa uè, guarda ‘stu core che fesso, sempe ‘nnammurato, ‘nnammurato ‘e chillu ‘llà…Uè, guarda ‘ca chiove e nun passa, uè si ‘stu …turmiento me passa manco ‘nu minuto me dà ‘cchiù pe’ respirà…Chiagne, ma chi cazz’ m’o ‘ffà fà.
(…) Ogni ‘vvota ‘ca me sento ‘sta canzone
Nun è napulitano, buciarda comme a te
Ce stà ‘ggente ‘ca nun magna manco ‘o ‘ppane
Ma quanno sponta ‘a luna se mettono a cantà.

Da: Chi cazz’ m ’u fa fa’, Squallor.
Gli Squallor, mitica ed enigmatica formazione napoletana, di volta in volta integrata da artisti di provenienza varia (dai componenti fondatori come Daniele Pace, Totò savio, Giancalro Bigazzi, Alfredo Cerruti, Elio Gariboldi, agli “avventizi” come Gianni Boncompagni e Gigi Sabani), con testi apparentemente poco curati e scollacciati, dalla metà degli anni ’70 misero alla berlina il malcostume italiano, dilagando nel mondo politico e nella religione; epiche restano le battute satiriche in napoletano e la pubblicità di Arrapaho: un indiano sculettante si gira e con voce effeminata pronuncia la frase: “Caio, comprati Arrapaho”.
L’album più famoso è del 1985: Tocca l’albicocca. Per la prima volta non presentano testi scurrili e, finalmente, viene trasmesso da tutte le radio. Vincono l’ostracismo anche grazie al brano USA for Italy, parodia del celebre pezzo We are the world, pubblicato nell’ambito del progetto USA for Africa.
Ancora dell’album “Troia”, invece, si segnala anche Morire in Porsche: la voce di Cerruti, con toni effeminati e una solo accennata erre francese, è una parodia dei generi pop melodici.

Si può ascoltare qui:
http://www.youtube.com/watch?v=6__nuNPtRm0&feature=related la parodia, tutta da gustare, di RACCONTALA GIUSTA ALFREDO

(Di Pace, Bigazzi, Savio; album TROIA, 1973)
Yeeah!
Stavo baciando la solita donna
Che bacio sempre di giovedì
Quando ne incontro una più bella
Che non vedevo da venerdì
Mollo la prima per la seconda
Ma non ho il tempo di respirare
Che sulla porta vedo la terza
Che con la forza mi vuole amare
Raccontala giusta Alfredo
Se parli di vino ti credo
L’amore è come un fiore di lilla
E chi ce l’ha non te lo da
Le donne son belle Alfredo
Ma sono chimere per te
Se volete, lo giuro
Mi sento sicuro di quello che ho detto
E di quel che dirò
Stavo baciando la portinaia
Che delle mie donne la posta mi da
Quando con l’occhio vedo passare
La Contessina di Caccarà
Mollo la zotica per il blasone
Ma non ho il tempo di respirare
Che sulla porta vedo il Barone
Che con il guanto mi vuole sfidare
Raccontala giusta Alfredo
Se parli di vino ti credo
L’amore è come un fiore di lilla
E chi ce l’ha non te lo da
Le donne son belle Alfredo
Ma sono chimere per te
Se volete, lo giuro
Mi sento sicuro di quello che ho detto
E di quel che dirò
Stavo facendo l’elenco aggiornato
Catalogando le donne passate
Credevo proprio di avere finito
Quando mi accorgo di avere scordato
Gisella, Riccarda, Carlina, Sofia
Ornella, Tamara, Amelia e sua zia
Francesca, Renata, Luciana e Lilì
E quella coi baffi di nome Mimì
Raccontala giusta Alfredo
Se parli di vino ti credo
L’amore è come un fiore di lilla
E chi ce l’ha non te lo da
Le donne son belle Alfredo
Ma sono chimere per te
Raccontala giusta Alfredo
Se parli di vino ti credo
L’amore è come un fiore di lillà
E chi ce l’ha non te lo da.

This entry was posted in Alessia e Michela Orlando, Napolimisteriosa-autori. Bookmark the permalink.

Comments are closed.