FOLKSTUDIO-SANDRO BARI- L'INVITO DELL'ASSESSORE

Riceviamo notizia da Sandro BariROMA TIBERINA, di un evento che dovrebbe essere estremamente significativo per chi ancora sente la eco di certi eventi romani. C’è nell’aria, c’è ancora, quella stagione nuova. La eco non si è estinta e si tratta di coglierne ancora il bello e il potenziale arricchente per capacità innovative, esplosioni adrenaliniche trasformate in gioiose spinte giovanile. Voglia di vivere.

FOLKSTUDIO: 50 anni dalla fondazione
27 luglio ore 11, via Garibaldi 58:
Inaugurazione della targa dedicata dal Comune di Roma al Cinquantenario della Fondazione del FOLKSTUDIO
27 luglio ore 21.30, Festa de Noantri, piazza S.Maria in Trastevere:
Spettacolo rievocativo con la partecipazione di Harold Bradley e vari artisti del FOLKSTUDIO
Mezzo secolo fa, per l’esattezza nell’ottobre 1961, Harold Bradley, poliedrico artista venuto a Roma da Chicago, fondava il FOLKSTUDIO nel suo laboratorio di pittura, in via Garibaldi 58. In breve tempo il locale diveniva famoso in Italia e all’estero quale “officina di canti popolari e studio del folklore internazionale”, dove artisti di tutto il mondo si esibivano per far conoscere i canti e le musiche del loro paese. Harold Bradley dirigeva il FOLKSTUDIO fino al 1968, quando tornava negli Stati Uniti per partecipare alla battaglia per i diritti civili, affidando temporaneamente la conduzione a sua moglie Hannelore e a Giancarlo Cesaroni, il quale la manteneva, tranne brevi intervalli e con variazioni di sede, fino alla chiusura definitiva nel 1998.
Il Comune di Roma ha accolto la proposta dell’Associazione culturale Roma Tiberina di apporre una targa ricordo della fondazione del FOLKSTUDIO dove esso è nato, in via Garibaldi 58. La targa, su iniziativa del Municipio Roma I Centro Storico, con l’approvazione e il finanziamento della Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma, verrà posizionata ed inaugurata il 27 luglio alle ore 11. Alla cerimania prenderanno parte l’Assessore alla Cultura del Comune di Roma Dino Gasperini, il Sovraintendente ai BB.CC. del Comune di Roma Umberto Broccoli, i rappresentanti istituzionali del Municipio Roma 1, i rappresentanti dell’ass. Roma Tiberina, Harold Bradley con la moglie Hannelore ed altri protagonisti.
La stessa sera del 27, alle ore 21,30 in piazza Santa Maria in Trastevere nell’ambito della Festa de Noantri, si svolgerà uno spettacolo rievocativo della Fondazione del FOLKSTUDIO al quale parteciperanno molti tra gli innumerevoli artisti che si sono succeduti ed esibiti nel mitico locale. Tra i primi ad aderire, Otello Profazio, Carletto Loffredo, Eddy Hawkins, Anna Casalino, Luisa De Santis, Alberico Di Meo, Francis Kuipers, Noemi Gismondi, il coro Bronzville American Gospel… e altri se ne aggiungeranno a sorpresa. La serata sarà presentata da Sandro Bari e avrà come ospite d’onore e protagonista Harold Bradley: si tratterà, nel classico stile del FOLKSTUDIO dell’epoca, di un happening nel quale tutti gli artisti intervenuti ricorderanno quegli anni con aneddoti e canzoni.
Il presidente
Sandro Bari

L’Assessore alle Politiche Culturali e Centro Storico
Dino Gasperini
ha il piacere di invitare la Signoria Vostra
all’inaugurazione della targa dedicata al
Laboratorio Internazionale di Canto e di Musica Popolare
FOLKSTUDIO
venerdì 27 luglio 2012, ore 11.00
Municipio I Via Garibaldi n. 58

This entry was posted in arte, attori, autori, Eventi, luoghi, musica. Bookmark the permalink.

4 Responses to FOLKSTUDIO-SANDRO BARI- L'INVITO DELL'ASSESSORE

  1. Monica Palozzi says:

    Che ricordi!
    Vi andai qualche volta verso la fine degli anni ’70. Ricordo in particolare la bravissima Dodi Moscati.
    Giusto ricordare il luogo di tanti magici momenti.

  2. Alessia e Michela Orlando says:

    Che bello.

  3. Mario says:

    Purtroppo, essendo nato troppo tardi, quelli commemorati sono luoghi, eventi ed esibizioni cui non ho mai avuto la fortuna di assistere…!!
    Bella iniziativa che rievoca periodi e momenti vicini temporalmente ma (purtroppo!!) lontani sotto molti altri punti di vista!!

  4. Alessia e Michela Orlando says:

    Sì, Mario: è normale sia così.